Insurance BUSINESS PLAN FAMILIARE Blog Risorse Chi siamo Contatti
Le conseguenze del lungo inserimento lavorativo.jpg

Le conseguenze assicurative del difficile inserimento lavorativo dei giovani


Le conseguenze del lungo inserimento lavorativo.jpg
·by · 1 comment

Secondo un rapporto del Censis intitolato *Speranze, timori, rancori: la ripresa difficile*, gli italiani giudicano la mancanza di lavoro il più grave problema del nostro Paese.

Questa preoccupazione diffusa, e del tutto legittima, porta però alla convinzione errata che il lavoro sia un fine e non un mezzo.

Cioè: se hai un lavoro sei a posto. Il tuo lavoro ti protegge da qualsiasi cosa, perché ti dà ogni mese un reddito.

Ora, naturalmente dai nostri redditi dipende direttamente il nostro benessere, e su questo non ci piove. Avere un lavoro che permette di portare a casa dei soldi è la condizione imprescindibile per qualsiasi ragionamento sulla serenità economica.

Ma il reddito non è l'unica risorsa che ci tutela e ci garantisce uno stile di vita soddisfacente, oggi e domani.

Oltre al reddito, il lavoro dovrebbe garantire anche alcune tutele fondamentali:

  • La tutela nel caso in cui il lavoratore sia vittima di qualche grave incidente;
  • La tutela per la famiglia del lavoratore;
  • La tutela per una vecchiaia serena.

Credo che sia un concetto importante da chiarire soprattutto a chi si avvicina al mondo del lavoro oggi, perché i giovani sono spesso concentrati sui benefici del reddito, come andare a vivere da soli, sposarsi, essere insomma economicamente indipendenti, ma si dimenticano che tutte queste cose dovrebbero essere tutelate.

E anche se i giovani raggiungono un reddito, oggi le loro tutele sono messe a rischio a causa di un fattore molto importante: l'ingresso sempre più tardivo nel mondo del lavoro.

Chi inizia a lavorare oggi lo fa tardi.

Questo ha delle conseguenze molto importanti dal punto di vista della stabilità economica, di cui vorrei parlarti in questo articolo.

Se hai un figlio o una figlia che sta studiando o che è in cerca del suo primo impiego, è molto importante che conosca quello che stai per scoprire nelle prossime righe.

A cominciare dalla generazione degli anni '80, l'inizio dell'attività lavorativa si è spostato sempre più in là con gli anni.

Non è compito mio indagare le cause di questa situazione, ma è un fatto: l'inserimento lavorativo richiede molto più tempo che in passato.

Le ragioni sono diverse:

  • Percorsi formativi sempre più lunghi, tra dottorati, master e tirocini formativi, richiesti da un mercato del lavoro che richiede sempre più specializzazione;
  • Il mercato del lavoro è più dinamico che in passato: questo vuol dire più opportunità, ma anche meno continuità lavorativa;
  • Gli stage formativi sono ormai un percorso obbligato, essere assunti in azienda dopo gli studi è un fenomeno raro e riservato ad alcuni settori.

Questa situazione, che non è né buona né cattiva, ha conseguenze ben più gravi che "uscire di casa a trent'anni".

Facciamo un esempio.

Prendiamo Marco, uno studente universitario.

Marco esce dall'università a 23 anni e si mette a cercare lavoro.

Il suo primo incarico è un lavoro in nero, e dura 6 mesi.

Grazie a questa esperienza, Marco trova uno stage. Gratuito o no non importa: è uno stage formativo di 6 mesi.

Durante lo stage capisce che quello non è il lavoro che vorrà fare, e si mette a cercare altro.

Siccome è bravo e fortunato, trova un altro stage.

Dopo 6 mesi viene assunto in azienda con un contratto a collaborazione.

Dopo 1 anno viene assunto con un contratto a tempo indeterminato; Marco ha 26 anni, e ha finalmente trovato la sua stabilità lavorativa.

Ma l'azienda è instabile, e dopo 3 anni di lavoro Marco, che è ambizioso e intraprendente, decide di mettersi in proprio per non rischiare di essere lasciato a piedi.

Grazie ai soldi messi da parte, a 29 anni fonda con altri due soci una start up, e lavora senza stipendio per un anno.

Dopo un anno può finalmente darsi uno stipendio part-time, e l'anno successivo arriva a darsi uno stipendio intero.

A 33 anni Marco ha una situazione lavorativamente stabile.

Questo è solo un esempio, ma se anche tu vivi nel mondo reale sai che percorsi post-studio del genere sono più la norma che l'eccezione. Chi ha trent'anni oggi ha buone probabilità di avere cambiato più posti di lavoro rispetto a suo padre.

Questo non vuol dire che non sia possibile ottenere un reddito, anche in giovane età: nell'esempio, Marco ottiene il suo a 24 anni e mezzo, che è anche un'età relativamente giovane.

Il problema vero è l'intermittenza lavorativa, che espone i neolavoratori a 3 gravissimi rischi.

Marco infatti all'inizio ha lavorato in nero e ha fatto due stage; in questo periodo non ha versato contributi.

Successivamente, inoltre, ha lasciato il suo primo impiego e per mettersi in proprio è stato "disoccupato" per un altro anno.

Questa discontinuità ha tre conseguenze:

  1. Marco ha poca anzianità contributiva
    Marco ha 33 anni e lavora da quando ne aveva 23, ma per lo stato ha lavorato solo per 5 anni.
    Questo vuol dire che Marco andrà in pensione molto tardi, anche se ha iniziato a lavorare relativamente presto;
  2. Marco non ha diritto alla pensione di invalidità o di inabilità
    Si ha diritto a queste pensioni solo con 5 anni di contribuzione, di cui almeno 3 nel quinquennio precedente. Nell'esempio Marco potrebbe avere raggiunto questo diritto a 28 anni, ossia dopo ben 5 anni dall'inizio dell'attività lavorativa effettiva.
    Chi sperimenta molte interruzioni, a causa di disoccupazione o scelte personali come in questo caso, potrebbe non avere i requisiti per queste pensioni assistenziali.
  3. Marco ha un montante contributivo basso
    Ipotizzando che in tutti i 5 anni di lavoro retribuito abbia percepito un reddito lordo annuo di 21.292 € (cosa che non è, visto che un anno ha lavorato part-time), il suo montante contributivo sarebbe di 35.131,80 € circa. La sua pensione di invalidità ammonterebbe a 1.968,72 € all'anno, ovvero circa 151,44 € per tredici mesi. E tra l'altro percepirebbe questa cifra solo se perdesse oltre due terzi delle sue funzionalità, ovvero in caso di invalidità molto gravi, per le quali 151,44 € non sarebbero neanche lontanamente un aiuto.

In altre parole, chi comincia l'attività lavorativa tardi, o ha un'attività lavorativa irregolare, è penalizzato da queste regole.

Il reddito è solo la parte più visibile e immediata delle tutele del lavoratore: è la parte che finisce direttamente nelle sue tasche.

Ma esistono anche altre tutele a cui un lavoratore dovrebbe avere diritto, e sono tutele di cui di solito nessuno parla perché sono nascoste.

Poi certo, c'è anche il problema delle pensioni di vecchiaia, che va per la maggiore in questo periodo: ma la pensione di vecchiaia è qualcosa che sarà nel futuro, mentre esistono alcuni rischi a cui siamo esposti OGGI.

Il sistema di tutele dell'INPS è un sistema che è stato creato per un mondo lavorativo in cui usciti dall'università si entrava in azienda senza uscirne più. Oggi non è più così.

Il sistema contributivo è stato un duro colpo (per quanto necessario) alle tutele dei lavoratori, ma ciò che oggi rappresenta il rischio maggiore per chi lavora da poco è l'intermittenza lavorativa.

Se i tuoi figli sono in questa situazione, o se tu stesso hai avuto anni di stage o semplicemente periodi in cui hai interrotto il lavoro, ti serve conoscere tre dati fondamentali del tuo stato patrimoniale:

  • Qual è il tuo montante contributivo;
  • A quanto ammontano le pensioni che potresti ricevere OGGI;
  • Qual è la tua anzianità contributiva.

Solo con questi numeri in mano puoi sapere veramente quanti soldi ti spettano, per cosa e soprattutto in quali casi.

Una volta che avrai questi numeri in mano, potrai pensare a come impiegare al meglio il tuo reddito.

Se vuoi conoscere i numeri reali della tua situazione economica, io posso aiutarti: contattami, ti spiegherò come ottenere questa consulenza gratuita.

Foto di Wenni Zhou su Unsplash

Info

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

via Ludovico Muratori 30
20135 Milano

RUI A000012305
G. e C. A. s.a.s. è soggetta alla vigilanza IVASS e i suoi dati sono consultabili sul Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi.

PI 10555900157
PEC gecapec@pec.it

Dettagli Contatto

E-mail address:
geca@gecaconsulenze.com

(+39) 02 54123880

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

Telefono: (+39) 02 54123880

ORARIO APERTURA UFFICIO: Lunedì - Giovedì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 17:30 Venerdì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 15:00