Insurance BUSINESS PLAN FAMILIARE Blog Risorse Chi siamo Contatti
Come evitare di sbagliare polizze assicurative sulla casa

Perché la polizza assicurativa sulla casa ha liquidato a Franco una cifra troppo bassa


Come evitare di sbagliare polizze assicurative sulla casa
·by · 1 comment

Si fa presto a dire che bisogna assicurarsi bene, ma come si fa ad assicurarsi bene?

Ottima domanda, caro proprietario di casa in cerca della migliore protezione per il tuo bene patrimoniale più prezioso.

La risposta breve è che prima devi prima sapere cosa vuoi assicurare, e solo dopo puoi cercare la soluzione più adatta a te.

Perché, come ho scritto più volte proprio su queste stesse pagine, l’idea che esista un singolo prodotto che copre meglio di altri è un’idea sbagliata che ignora un fatto fondamentale: anche il prodotto migliore del mondo, se venduto male, può essere inutile se non addirittura dannoso.

Per evitare di fare della sterile accademia, oggi vorrei parlarti del caso di Franco, sfortunato padre di famiglia a cui due anni fa andò a fuoco la casa.

Non preoccuparti: in questo caso nessuno si è fatto male fisicamente. Purtroppo, però, Franco ha perso molti soldi, anche se un’assicurazione per i danni alla casa ce l’aveva.

Facciamo un passo indietro e cominciamo dal principio.

È il 2012, Franco ha 32 anni e finalmente ha acceso un mutuo per la casa nella quale vivrà per tutta la vita, con la moglie e il figlio. Vuole assicurarla, perché è una persona previdente.

Cosa fa, quindi?

Esatto, comincia a chiedere preventivi. E nei preventivi che chiede trova le seguenti voci:

Garanzia Somma assicurata Franchigia
Danni al fabbricato 95.000 € 400 €
Danni al contenuto 29.000 € 200€
Danni da alluvione, inondazione e terremoto 29.000 € 400 €
Assistenza all'abitazione 300 € -

Franco ha letto le condizioni di polizza, e gli sembra tutto in ordine. Quello che gli interessava era una polizza per i danni alla casa, e la sua polizza copre tutto quello che deve coprire: incendio, fulmini, esplosioni, eventi atmosferici, sviluppo e fuoriuscita di fumi, gas, vapori, cortocircuiti e così via, tutti gli eventi che ha visto essere coperti in tutti i preventivi che aveva chiesto.

In più, il venditore che gli ha fatto il preventivo ha infilato nell’offerta anche la polizza per la Responsabilità Civile, così Franco ora sa di essere protetto anche nel caso in cui qualcuno gli presenti una richiesta danni.

Franco paga così 27 € al mese - 324 € all’anno - per dieci anni, durante i quali non succede niente.

L’incidente accade l’undicesimo anno: sta per uscire di casa con tutta la famiglia, devono andare a mangiare da amici e sono già in ritardo. Finalmente sono fuori. Prendono la macchina, arrivano dagli amici e il pranzo domenicale inizia.

Un’ora più tardi squilla il telefono di Franco; è l’amministratore di condominio. Casa sua sta andando a fuoco, deve tornare.

Quando Franco torna trova i pompieri sul posto. Hanno appena spento l’incendio, dovuto a una caffettiera dimenticata su un fornello, che aveva lasciato acceso per la fretta; dopo avere arroventato la caffettiera, la fiamma ha incendiato il suo manico, che a sua volta ha dato fuoco allo straccio della cucina, e alla fine l’incendio è divampato in tutto l’appartamento.

Sorvolo sullo sconforto che si è impossessato di Franco e della sua famiglia, perché mi sembra davvero superfluo rimarcarlo.

La cosa peggiore, però, è che la disavventura non si è conclusa qui.

“Almeno sono assicurato”, ha pensato infatti Franco. Nella sua testa, la liquidazione dell’assicurazione avrebbe dovuto aiutarlo a risistemare casa, senza esporlo a ulteriori perdite finanziarie.

A questo servono le assicurazioni, no?

Purtroppo però non è andata così; Franco ha infatti scoperto, letteralmente a sue spese, che la sua polizza era stata fatta male, e non includeva alcune importanti casistiche.

Questo ha voluto dire per Franco sostenere dei costi che non aveva previsto e che naturalmente non aveva la possibilità di immaginare quando, dieci anni prima, aveva deciso di stipulare questa polizza:

Spesa per il risarcimento per la pizzeria sotto il suo appartamento
L’incendio ha danneggiato alcune tubature, nelle quali si sono aperte delle perdite che hanno allagato parte della pizzeria che si trovava sotto l’appartamento di Franco.

Per la pizzeria questo ha voluto dire chiudere per una giornata intera, proprio di domenica, e quindi perdere parecchi guadagni. Il titolare del ristorante ha presentato a Franco il conto di questi mancati guadagni: 10.000 €. E naturalmente la polizza non copriva questa eventualità.

Pagamento di 1.500 € per le spese di ricerca e riparazione del guasto
Queste spese non sono direttamente incluse nell’indennizzo per il fabbricato e il contenuto, e purtroppo la polizza prevedeva un massimale di 1.000 €, mentre la cifra effettivamente spesa dall’impresa è stata di 2.500 €.

Pagamento di 200 € per il soggiorno in albergo
Con la casa inagibile, Franco e la sua famiglia hanno dovuto pernottare in albergo. Anche questo caso era previsto dalla polizza, che però limitava il suo apporto a 100 € a notte; per una famiglia di tre persone in una città come Milano, la cifra più bassa che Franco è riuscito a trovare è stata 40 € a persona per notte. A suo carico sono rimasti quindi 20 € a notte, e siccome hanno dovuto rimanere fuori casa per dieci notti, il conto è stato quello.

Ti ho raccontato questa storia per farti capire sostanzialmente due cose.

La prima è che se vuoi sapere veramente quello che copre una polizza non puoi limitarti a leggere il preventivo. In teoria dovresti leggere tutte le condizioni di polizza, ma in pratica ci deve essere qualcuno che ti spiega quello che stai acquistando.

La seconda è che un incidente, di qualsiasi tipo esso sia, di solito non ha una sola conseguenza, ma ne ha molte. Ed è precisamente questo il motivo per cui le polizze casa sono così articolate e così complesse: perché prevedono e normano moltissime casistiche. Casistiche che non puoi immaginare in anticipo, a meno che tu non sia un liquidatore assicurativo.

E ora vorrei rassicurarti una seconda volta: la storia di Franco è una storia assemblata. Nel senso che Franco è un personaggio immaginario, ma la storia che ti ho raccontato mette insieme diversi casi reali.

Queste cose possono succedere, e quando succedono è meglio farsi trovare preparati.

Per questo ho scritto una guida dedicata proprio all’assicurazione sulla casa, che può aiutarti ad avere il pieno controllo delle offerte assicurative che troverai in giro.

È una guida scritta con parole semplici che ti spiegherà quali sono i pezzi di un’assicurazione casa, come puoi combinarli tra loro e come risparmiare senza rinunciare a nessuna copertura.

In più, dentro ci troverai delle tabelle comparative che ti serviranno a confrontare diverse polizze casa numeri alla mano, per vedere veramente qual è quella più conveniente e non solo quella meno costosa.

Per scaricare la guida clicca sul pulsante qui sotto.

Scarica la guida sull'assicurazione casa

Il dizionario Assicuratese-Italiano per interpretare correttamente una polizza casa e vedere le cifre che in un preventivo non ci sono.

Vai al pdf

Info

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

via Ludovico Muratori 30
20135 Milano

RUI A000012305
G. e C. A. s.a.s. è soggetta alla vigilanza IVASS e i suoi dati sono consultabili sul Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi.

PI 10555900157
PEC gecapec@pec.it

Dettagli Contatto

E-mail address:
geca@gecaconsulenze.com

(+39) 02 54123880

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

Telefono: (+39) 02 54123880

ORARIO APERTURA UFFICIO: Lunedì - Giovedì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 17:30 Venerdì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 15:00