Insurance BUSINESS PLAN FAMILIARE Blog Risorse Chi siamo Contatti
La polizza temporanea caso morte

L'assicurazione TCM o Temporanea Caso Morte: che cosa fa la differenza per te


La polizza temporanea caso morte
·by · 1 comment

La polizza Tcm ("Temporanea Caso Morte") è forse la polizza più conosciuta al mondo. È comunemente identificata con l'espressione "polizza vita" nonostante, come abbiamo spiegato nella pagina Come funziona la polizza vita, sia solo uno dei prodotti del ramo vita.

Questa "fama" è probabilmente dovuta al fatto che la Tcm contempla l'eventualità della dipartita, l'unica eventualità certa per tutto il genere umano: in caso di decesso, la Tcm eroga un capitale ai beneficiari della polizza.

Per questa ragione le finalità e le dinamiche di questa particolare polizza vita sono piuttosto semplici da capire. Non solo: proprio perché queste garanzie sono prestate per l'eventualità più estrema, sono in molti anche tra gli addetti al settore a considerarla la polizza più importante di tutte.

È comunque bene essere consapevoli di alcune importanti variabili se vogliamo fare la scelta più adatta al nostro caso.

A cosa serve la polizza Temporanea Caso Morte

La polizza vita Tcm è effettivamente la polizza più importante di tutte, ma non è per tutti.

Il suo scopo è infatti quello di proteggere finanziariamente persone che sarebbero finanziariamente danneggiate dalla scomparsa dell'assicurato.

In altre parole, è una polizza che si fa a beneficio di qualcun altro.

Non è una polizza per i giovani, non è una polizza per gli anziani, non è una polizza per i capofamiglia, non è insomma una polizza per categorie particolari: semplicemente, è una polizza rivolta a chi con il suo reddito sostiene economicamente altre persone. In caso di decesso, queste persone potranno continuare a contare su questo sostegno economico, anche se chi lo provvedeva non c'è più. Si tratta insomma di una polizza di prevenzione assoluta, e per questa ragione ha senso stipularla (per sé o per altri) nel momento in cui la dipartita è poco probabile.

Per questo si tratta di un'assicurazione vita temporanea, in virtù dei limiti temporali e circostanziali al di fuori dei quali una polizza Tcm non serve più.

Teniamo a insistere su questo punto perché sappiamo benissimo quanto sia difficile analizzare razionalmente scenari tanto dolorosi e remoti: il compito del consulente assicurativo è ciononostante quello di guidare la scelta del contraente per stabilire la formula più giusta.

Cosa significa "formula più giusta"? Significa equilibrio corretto tra spesa sostenuta e cifra eventualmente corrisposta dalla Compagnia.

I veri rischi che si corrono con una Tcm inadeguata sono principalmente due:
- Pagare un premio troppo alto, che ci costringe a sacrifici tali per cui a un certo punto - quando magari ne avremmo più bisogno - non siamo più in grado di mantenere l'assicurazione attiva;
- Stabilire un capitale assicurato troppo basso per la ragione opposta - la paura di spendere troppo - senza pensare al motivo per cui si spende.

Gli estremi della polizza: capire il preventivo di un'assicurazione Tcm

Né per la polizza Tcm né per qualsiasi altra copertura si può parlare di convenienza "assoluta". Il prezzo va sempre valutato in rapporto alle numerose garanzie e casistiche che le governano.

Il cuore di una polizza Tcm è il capitale assicurato, ovvero la cifra corrisposta ai beneficiari in caso di decesso dell'assicurato.

Più desideriamo tenere alta questa cifra, più alto sarà il premio che dovremo versare.

Il premio Tcm: i fattori che dipendono dal contraente

Per capire qual è la cifra giusta da assicurare bisogna considerare diversi fattori:
- Reddito: come detto sopra, la Tcm sostituisce il reddito della persona che manca, quindi deve essere proporzionato a esso. La Tcm non è fatta per "arricchire" la propria famiglia in caso di perdita;
- Durata della copertura: anche in questo caso si accennava più sopra che in genere ci sono dei limiti temporali entro i quali c'è un interesse ad assicurare il proprio reddito. Un neogenitore può averne bisogno fino all'autonomia del figlio, le coppie con un mutuo potrebbero averne bisogno fino all'estinzione del mutuo (per questo esistono le polizze a capitale decrescente) e così via.

In base a questi due elementi possiamo capire di quale cifra abbiamo bisogno per rendere sensato questo sforzo economico.

Esistono comunque soglie minime di capitale assicurato; sono diverse per ogni compagnia di assicurazioni, ma in genere si parte da 50.000 €.

Come fanno il preventivo Tcm le compagnie assicurative

A parità di capitale assicurato, le rate di pagamento del premio possono essere più o meno alte in base ad altri due fattori:
- Età dell'assicurato;
- "Abitudine al fumo", ovvero lo status di fumatore o non fumatore.

Questi elementi definiscono le probabilità di decesso e quindi il costo della copertura: maggiori sono le probabilità di decesso, maggiore sarà il costo della polizza a parità di capitale assicurato..

Alcune compagnie, in relazione a capitali assicurati di grossa entità, chiedono agli assicurati di sottoporsi ad alcuni controlli medici (o corrispondere eventuale documentazione) prima della stipula della polizza, così da valutare con più precisione il rischio da assicurare.

Le garanzie accessorie: cosa succede se ho bisogno del capitale prima?

Le "assicurazioni accessorie" o "complementari" sono le garanzie che la Tcm presta in casi diversi dal decesso. In genere è qui che le polizze Tcm presentano differenze tra una compagnia e l'altra.

Per valutare la "convenienza" di una polizza Tcm è molto più sensato valutare quali garanzie accessorie sono incluse nel premio, perché il "prezzo" finale si basa anche su queste.

A titolo di esempio, riportiamo qui le garanzie accessorie più diffuse:

Terminal illness
Una volta accertato e soprattutto documentato lo stato di malattia terminale dell'assicurato, la compagnia paga una parte del capitale prima del decesso. Lo scopo di questa garanzia è di permettere eventuali cure costose.

Invalidità totale permanente
Se l'assicurato diventa invalido in modo permanente, può sospendere il pagamento dei premi e conservare comunque la garanzia Tcm. La percentuale di invalidità ammessa è stabilita dalla compagnia e accertata dai suoi medici legali.

Malattia grave
Nel caso in cui l'assicurato contragga alcune patologie specificate nel contratto (per esempio tumore al seno, alla prostata ecc.) alcune compagnie garantiscono un anticipo del capitale dovuto in caso di decesso.

Naturalmente se l'interesse principale è quello di coprire questi casi specifici, la polizza Tcm non è il prodotto giusto. Esistono invece diverse opzioni sanitarie molto più adatte al caso.

Condizioni ed esclusioni: i cavilli da esaminare

Come ogni contratto, anche quello della polizza Tcm presenta condizioni che determinano la validità o meno della garanzia di copertura.

Essere inconsapevoli di queste condizioni espone al grave rischio di non vedersi corrisposta la liquidazione per la quale si è pagato per anni. Le "condizioni di assicurazione" sono una sezione molto importante del contratto, da valutare con calma e attenzione.

In generale vale questa regola: mai acquistare una polizza senza aver prima letto le condizioni, che si acquisti dalla compagnia, da un intermediario o semplicemente online.

Il problema è che le condizioni di polizza sono di solito molto lunghe e scritte in "legalese", perciò le persone tendono ad affidarsi a informative più lacunose e superficiali.

Per aiutare a prendere in considerazione tutte le variabili, qui stiliamo un elenco sintetico e non esaustivo di voci da prendere in considerazione per la stipula di un contratto di assicurazione Tcm. Per conoscere le risposte che la vostra polizza dà a queste voci,la sezione da controllare è quella delle "condizioni di polizza" di qualsiasi contratto.

Premio - Modalità e frequenza del versamento. In genere si può stipulare una Tcm con un premio annuo o con un premio unico da corrispondere solo all'atto della sottoscrizione;

Capitale - Può essere crescente o decrescente; approfondiamo quest'ultimo caso nella pagina sulle polizze mutuo;

Periodo di carenza - È il tempo che deve trascorrere prima che la copertura della polizza sia operante. La Tcm di solito esclude per un periodo iniziale variabile alcune eventualità dalle coperture. Per esempio il caso di suicidio è coperto a partire dal terzo anno successivo alla stipula;

Tempi di liquidazione - Scadenze e tempistiche per ottenere il capitale assicurato. Esistono alcuni limiti entro i quali è possibile chiedere il riscatto, trascorsi i quali la Compagnia ha il diritto di tenere i soldi versati. Per questo è importante che i beneficiari siano consapevoli dell'esistenza della polizza;

Esclusioni - Sotto questo paragrafo si trovano le cause del decesso che l'assicurazione non copre, ovvero è specificato in quali caso il capitale non viene corrisposto (e i premi versati non vengono restituiti). Anche in questo caso riportiamo alcuni esempi non esaustivi: generalmente sono esclusi dalla copertura i decessi per avvelenamenti causati (malaria, carbonchio..), per infortuni o malattie preesistenti la stipula, per terremoti o inondazioni, per partecipazione a missioni di guerra e così via. Una limitazione importante di questa copertura riguarda i decessi avvenuti nello svolgimento di professioni (lavori esposti a radiazioni, in miniera, su impalcature e così via, se non dichiarati prima della stipula della polizza) o sport pericolosi (speleologia, immersioni subacquee, paracadutismo, pugilato ecc.);

Costi di Frazionamento - Una rateizzazione della polizza può presentare questi costi, perciò il nostro consiglio è quello di pagare, se si può, senza frazionamenti, a meno che non siano a costo 0.

Vantaggi fiscali

Le somme liquidate dalla polizza Tcm sono esenti da imposte, quindi il capitale assicurato ed eventualmente erogato è sempre da considerarsi un importo netto.

Per quanto riguarda invece la detraibilità, ogni versamento (annuale o frazionato) è detraibile dalle imposte: per questo è sempre importante conservare una copia della quietanza annuale spedita dalla compagnia (nella quale sono evidenziate le cifre detraibili), e ricordarsi di presentarla al proprio commercialista.

Foto di tam wai su Unsplash

Info

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

via Ludovico Muratori 30
20135 Milano

RUI A000012305
G. e C. A. s.a.s. è soggetta alla vigilanza IVASS e i suoi dati sono consultabili sul Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi.

PI 10555900157
PEC gecapec@pec.it

Dettagli Contatto

E-mail address:
geca@gecaconsulenze.com

(+39) 02 54123880

G. e C. A. s.a.s. di Chiani Sandro e dott. Andrea Covini

Telefono: (+39) 02 54123880

ORARIO APERTURA UFFICIO: Lunedì - Giovedì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 17:30 Venerdì 08:30 - 13:00 / 14:00 - 15:00